Blog

In vent’anni di attività sono molte le persone che si sono rivolte alla nostra agenzia di investigazioni perché avevano il sentore che l’ex marito o l’ex moglie potesse svolgere una attività lavorativa in nero o regolarmente retribuita, non dichiarata in fase di separazione.

Nel contesto di una separazione sia essa consensuale o giudiziale, avere certezza circa le reali condizioni economiche dell’ex coniuge è fondamentale per ottenere un onesto assegno di mantenimento.

Dico questo perché non è raro trovare persone che in fase di separazione, tentino di mascherare o dissimulare il proprio patrimonio allo scopo di sborsare un assegno di mantenimento non congruo alle reali possibilità e quindi di molto inferiore a quanto spetterebbe.

Al contrario può capitare che la persona interessata a pretendere l’assegno di mantenimento sostenga il falso, adducendo di non possedere risorse patrimoniale per il proprio  sostentamento al fine di richiedere un assegno con un importo più alto.

Questi comportamenti scorretti sono favoriti dalle procedure che la separazione prevede e più in particolare dal solo obbligo documentale previsto per le parti, ovvero quello di presentare in giudizio le ultime tre dichiarazioni dei redditi.

Fortunatamente la legge consente agli ex coniugi di eseguire accertamenti per individuare e documentare la reale situazione reddituale e patrimoniale del l’ex consorte, dimostrando ad esempio, l’attività lavorativa in nero non dichiarata in fase di istruttoria.

Gli obiettivi della nostra agenzia di investigazioni

Reperire la documentazione e le informazioni necessaria al fine di comprovare la malafede dell’ex coniuge è il nostro obbiettivo.

Insinuare il dubbio agli occhi del Giudice è fondamentale perché esso, dubbioso,  possa intraprendere nei confronti dell’imputato una azione investigativa che gli consenta, attraverso il lavoro della Polizia Tributaria, di acquisire documentazioni circa la reale situazione patrimoniale del soggetto – come ad esempio conti correnti bancari, immobili, titoli azionari , assicurazioni, autovetture e via dicendo.

In questo contesto, disposte le opportune indagini patrimoniali, il Giudice può richiedere all’ex coniuge che abbia fatto supporre la non attendibilità delle dichiarazioni rese, la presentazioni di alcuni documenti necessari per l’istruttoria. Tale richiesta potrà essere estesa anche a soggetti terzi chiamati in causa indirettamente (es: il direttore della banca presso il quale insiste un corrente, il datore di lavoro, i soci di un eventuale società, inquilini in affitto, etc.).

La nostra attività investigativa viene svolta attraverso l’osservazione statica e dinamica del consorte il quale viene sorvegliato durante la sua quotidianità. In presenza di elementi utili alle risultanze investigative, vengono effettuate foto e videoriprese per immortalare la situazione. Lo step successivo consiste nella raccolta e ricerca di informazioni utili alle indagini, come ad esempio visure e analisi di conservatoria, ma anche interviste e ricerca dei test.

Conclusa l’attività investigativa viene redatto un dossier.

Rivolgiti senza impegno alla nostra agenzia per avere una consulenza gratuita.

Effettua il login per inserire un commento

OPERIAMO IN ITALIA E ALL'ESTERO

Numeri telefonici agenzia investigativa

Login

Entra nel tuo account personale per commentare gli articoli del nostro Blog. Se non lo possiedi, clicca sul tasto "Registrati" qui sotto.

Investigazioni Private

  • Lavoro non dichiarato
  • Infedeltà coniugali
  • Indagini su minori

Investigazioni Patrimoniali

  • Verifica capacità patrimoniali
  • Profili aziendali
  • Solvibilità di persone o aziende

Difesa Penale

  • Ricerca di prove
  • Attendibilità testimoni
  • Analisi DNA

Controllo Minori

  • Controllo e prevenzione droga
  • Bullismo e frequentazioni
  • Tutela minori

Indagini Aziendali

  • Abuso permessi legge 104
  • Concorrenza sleale
  • Infedeltà soci e dipendenti

Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione e di terze parti per analizzare il traffico in ingresso

Cliccando sul pulsante Approvo o proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei cookies. Per maggiori informazioni leggi l'informativa sui cookie. Per saperne di piu'

Approvo