Blog

Professione Investigatore privato

professione investigatore privatoTantissime sono le richieste che ricevo da parte di persone che vogliono informazioni sulla mia attività professionale, ovvero, quella dell’investigatore privato.

L’investigatore privato è sempre stato musa ispiratrice di film per la televisione e di romanzi di successo - innegabilmente la mia professione rievoca storie di omicidi, di intrighi planetari, di spionaggio e via dicendo, ma non tutto quello che leggiamo o vediamo in televisione è veritiero, certo, le sorprese in questo lavoro non mancano mai ma la realtà è ben diversa.

Ho deciso dunque di fornire attraverso il mio blog informazioni utili per chi fosse interessato ad intraprendere questa professione o per chi invece, semplicemente è curioso di sapere…

Iniziamo con alcuni dati nazionale: In Italia esistono circa 2.500 agenzie investigative per lo più stanziate principalmente nelle città di Milano, Napoli e Roma.

Circa il 70% degli investigatori privati autorizzati, ovvero in possesso della licenza prefettizia ex art. 134 T.U.L.P.S., ha un’età anagrafica maggiore a 50 anni e molti di essi provengono dalle forze di pubblica sicurezza.

Prima del 2010 le licenze necessarie per intraprendere la professione di investigatore privato venivano rilasciate unicamente previo accertamento della capacità tecnica del soggetto, il quale doveva dimostrare di aver maturato l’esperienza necessaria per poter gestire una agenzia investigativa.

Altresì, il richiedente della predetta licenza doveva essere in linea con i così detti “requisiti morali”, ovvero, non avere precedenti penali o condanne penali scorse in giudicato.

Per farla breve, in passato venivano agevolati quei soggetti ex appartenenti alle forze di polizia e la valutazione del requisito “capacità tecnica” era esclusivamente a discrezione della Prefettura che gestiva l’istanza, la quale aveva il diritto inappellabile di giudicare positivamente o negativamente la concessione dell’autorizzazione.

Detto ciò, potete comprendere come fosse davvero difficile ottenere le autorizzazioni necessarie per intraprendere la professione di investigatore privato, l’unica alternativa era quella di tentare le istanze in molteplici prefetture a finché qualcuna avesse dato parere positivo, assurdo!

Oggi l’iter per la concessione della licenza è finalmente cambiato in meglio. Il DL 269/2010 ha di fatto regolamentato ciò che prima non lo era, ed ha obbligato gli investigatori privati a frequentare corsi di laurea e di formazione professionale.

In sintesi, per presentare la richiesta relativa all’ottenimento della licenza è necessario possedere i seguenti requisiti:

Requisiti Soggettivi

  • cittadinanza italiana o dell’UE;
  • capacità di obbligarsi;
  • non aver riportato un condanne penali superiori a tre anni di reclusione per delitti non colposi e non aver ottenuto la riabilitazione;
  • non essere stati sottoposti all'ammonizione o a misura di sicurezza personale o non essere stati dichiarati delinquenti abituali, professionali o per tendenza;
  • non aver riportato condanne per delitti contro la personalità dello Stato o contro l'ordine pubblico;
  • non avere esercitato alcuna delle attività regolamentate dall'articolo 134 T.U.L.P.S. in mancanza della regolare licenza;
  • nei confronti di taluno dei soggetti di cui all'art. 257-bis, comma 1, lettere a) e b) del D.P.R. 153 del 04/08/08, qualora esistenti, non deve essere stata esercitata l'azione penale per uno dei reati previsti dall'art. 51, comma 3-bis, del codice di procedura penale, ovvero formulata la proposta per l'adozione di una misura di prevenzione.

Requisiti professionali minimi e di capacità tecnica

  1. a) aver conseguito, al momento dell’istanza, una laurea almeno triennale nelle seguenti aree:
  • Giurisprudenza;
  • Economia;
  • Psicologia a Indirizzo Forense;
  • Scienze Politiche;
  • Scienze dell'Investigazione;
  • Sociologia;
  1. b) aver eseguito con successo un periodo di pratica, per almeno un triennio, presso un investigatore privato autorizzato da almeno cinque anni, con rapporto di lavoro dipendente e con esito positivo espressamente attestato dallo stesso investigatore;
  2. c) aver partecipato a corsi di perfezionamento teorico-pratico in materia di investigazioni private, programmato da strutture universitarie o da centri di formazione professionale riconosciuti dalle Regioni e accreditati presso il Ministero dell'Interno - Dipartimento della pubblica sicurezza, secondo le procedure da questo individuate,

 

  1. nel caso di richiedenti ex appartenenti alle Forze di Polizia, è necessario aver svolto attività d'indagine presso reparti investigativi di polizia, per un periodo non inferiore a cinque anni e di aver lasciato il servizio, senza demerito, da non più di quattro anni e da non meno di un anno.

La mia esperienza?

I miei primi passi nel campo delle investigazioni private li ho fatti a Roma, ero minorenne e ogni tanto un investigatore privato Roma mi chiamava per aiutarlo nei pedinamenti in motorino. Dopo il servizio militare decisi di consolidare quelle esperienza passata nella mia professione, con l’obbiettivo di aprire un giorno la mia agenzia investigativa.

Nel 1998, tutto era molto diverso da oggi, svolgere un investigazione era più complicato, cera meno tecnologia per supportare il lavoro del detective privato, niente GPS per i pedinamenti, niente internet per ricercare informazioni, niente reflex digitali o telecamere HD… insomma, il risultato delle indagine era per lo più dipeso dalle abilità personali dell’investigatore privato.

In quei anni, se eri un bravo investigatore, il lavoro di certo non mancava mai e per questo ho avuto modo di lavorare per molto tempo presso diverse agenzie investigative della capitale.

Durante il corso della mia gavetta ero giunto alla conclusione che, se avessi un giorno avuto la possibilità di aprire la mia attività, avrei utilizzato un protocollo di gestione totalmente differente da quello adoperato da quei titolari di licenza, i quali amministravano le loro agenzie investigative come se fossero attività commerciali volte a spillare più denaro possibile ai loro avventori.

Nel mio ambiente lavorativo ci sono molti “squali”, personaggi che per soldi sono pronti a fare di tutto, non ci credete? Fate una ricerca su Google e troverete tanto materiale su investigatori privati ed agenzie investigative che hanno passato guai seri con la legge, per aver violato la privacy, per truffa, per banca rotta fraudolenta, per aver svolto attività di intercettazioni, per estorsioni; dicerto, non si deve fare di un erba tutto un fascio, come in ogni ambito lavorativo c’è quello cattivo e quello buono.

Tornando alla mia esperienza professionale posso dire che è stato difficile perseguire il mio obbiettivo, c’era chi tardava il pagamento dei miei compensi e chi invece non ti pagava affatto, chi ti abbandonava in strada ore ed ore per fare appostamenti che nulla avevano di logico, chi prometteva possibilità di crescita professionale, una carriera ma poi non manteneva la parola, chi invece soffriva di protagonismo e quindi solo lui era bravo e tutti erano niente, insomma, una strada in salita contornata da personaggi che farebbero gola agli autori del genere letterario pulp.

Oggi faccio quello che ho sempre desiderato fare, ho raggiunto il mio obbiettivo e cerco di svolgere il mio lavoro nel migliore dei modi a finché possa essere sempre soddisfatto del mio operato.

La tecnologia è avanzata notevolmente e la società è cambiata, ma molte cose sono rimaste identiche a quando ero giovanissimo, quando lavorando duramente, inseguivo il mio futuro. Proprio come allora, posso guardarmi allo specchio e provare serenità - nel mio volto non traspare avidità né tantomeno opportunismo - questo perché lavorare per passione è uno dei segreti per raggiungere il successo.

Avere un lavoro è una fortuna, figuriamoci svolgere una attività che si ama. Certo non è semplice, ma se si possiede passione, interesse e coinvolgimento, è certamente più semplice trovare la strada giusta.

Effettua il login per inserire un commento

OPERIAMO IN ITALIA E ALL'ESTERO

Numeri telefonici agenzia investigativa

Login

Entra nel tuo account personale per commentare gli articoli del nostro Blog. Se non lo possiedi, clicca sul tasto "Registrati" qui sotto.

Investigazioni Private

  • Lavoro non dichiarato
  • Infedeltà coniugali
  • Indagini su minori

Investigazioni Patrimoniali

  • Verifica capacità patrimoniali
  • Profili aziendali
  • Solvibilità di persone o aziende

Difesa Penale

  • Ricerca di prove
  • Attendibilità testimoni
  • Analisi DNA

Controllo Minori

  • Controllo e prevenzione droga
  • Bullismo e frequentazioni
  • Tutela minori

Indagini Aziendali

  • Abuso permessi legge 104
  • Concorrenza sleale
  • Infedeltà soci e dipendenti

Questo sito utilizza cookie tecnici per offrirti una migliore esperienza di navigazione e di terze parti per analizzare il traffico in ingresso

Cliccando sul pulsante Approvo o proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei cookies. Per saperne di piu'

Approvo