Privacy

Autorizzazione n. 6 del 2002 al trattamento di dati sensibili da parte degli investigatori privati
(G. U. n. 83 del 9 aprile 2002 - Suppl. Ordinario n. 70)

 

IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI

In data odierna, con la partecipazione del prof. Stefano Rodotà, presidente, del prof. Giuseppe Santaniello, vicepresidente, del prof. Gaetano Rasi e del dott. Mauro Paissan, componenti e del dott. Giovanni Buttarelli, segretario generale;

Vista la legge 31 dicembre 1996, n. 675 , e successive modificazioni ed integrazioni, in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali;

Visto, in particolare, l’art. 22, comma 1, della citata legge n. 675/1996 , il quale individua i dati personali "sensibili";

Considerato che i soggetti privati e gli enti pubblici economici possono trattare i dati sensibili solo previa autorizzazione di questa Autorità e, ove necessario, con il consenso scritto degli interessati;

Considerato che una speciale disposizione (art. 22, comma 4, legge n. 675/1996, come modificato dal decreto legislativo n. 467/2001 ) permette di trattare i dati sensibili senza il consenso degli interessati, quando il trattamento autorizzato dal Garante è necessario per svolgere una investigazione difensiva ai sensi della legge 7 dicembre 2000, n. 397 o, comunque, per far valere o difendere in sede giudiziaria un diritto, di rango pari a quello dell’interessato quando i dati siano idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale dell’interessato;

Considerato che il trattamento dei dati in questione può essere autorizzato dal Garante anche d’ufficio con provvedimenti di carattere generale, relativi a determinate categorie di titolari o di trattamenti (art. 41, comma 7, legge n. 675/1996 );

Considerato che le autorizzazioni di carattere generale sinora rilasciate sono risultate uno strumento idoneo per prescrivere misure uniformi a garanzia degli interessati, rendendo altresì superflua la richiesta di singoli provvedimenti autorizzatori da parte di numerosi titolari del trattamento;

Ritenuto opportuno rilasciare nuove autorizzazioni in sostituzione di quelle in scadenza il 31 gennaio 2002, armonizzando le prescrizioni già impartite alla luce dell’esperienza maturata;

Ritenuto opportuno che anche tali nuove autorizzazioni provvisorie siano a tempo determinato ai sensi dell’art. 14 del d.P.R. 31 marzo 1998 n. 501 , in relazione alla prevista emanazione del testo unico della normativa in materia di protezione dei dati personali, in attuazione della legge n. 127 del 2001;

Considerata la necessità di garantire il rispetto di alcuni principi volti a ridurre al minimo i rischi di danno o di pericolo che i trattamenti potrebbero comportare per i diritti e le libertà fondamentali, nonché per la dignità delle persone;

Considerato che il Garante ha rilasciato un’autorizzazione di ordine generale relativa ai dati idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale (n. 2/2002 , rilasciata il 31 gennaio 2002), anche in riferimento alle predette finalità di ordine giudiziario;

Considerato che numerosi trattamenti aventi tali finalità sono effettuati con l’ausilio di investigatori privati, e che è pertanto opportuno integrare anche le prescrizioni dell’autorizzazione n. 2/2002 mediante un ulteriore provvedimento di ordine generale che tenga conto dello specifico contesto dell’investigazione privata, anche al fine di armonizzare le prescrizioni da impartire alla categoria;

Considerato che ulteriori misure ed accorgimenti saranno prescritti dal Garante all’atto della sottoscrizione dell’apposito codice di deontologia e di buona condotta in via di emanazione (art. 22, comma 4, legge n. 675/1996 );

Visto l’art. 35 della legge n. 675/1996 ;

Visto il regolamento recante norme sulle misure minime di sicurezza adottato con d.P.R. 28 luglio 1999, n. 318 ;

Visto l’art. 14 del d.P.R. 31 marzo 1998, n. 501 ;

Visti gli atti d’ufficio;

Viste le osservazioni dell’Ufficio formulate dal segretario generale ai sensi dell’art. 15 del regolamento del Garante n. 1/2000 ;

Relatore il prof. Gaetano Rasi;

autorizza

- gli investigatori privati a trattare i dati sensibili di cui all’art. 22, comma 1, della legge n. 675/1996 , secondo le prescrizioni di seguito indicate.

 

1) Ambito di applicazione e finalità del trattamento.

La presente autorizzazione è rilasciata, anche senza richiesta, alle persone fisiche e giuridiche, agli istituti, agli enti, alle associazioni e agli organismi che esercitano un’attività di investigazione privata autorizzata con licenza prefettizia (art. 134 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, e successive modificazioni e integrazioni).

Il trattamento può essere effettuato unicamente:

a) per permettere a chi conferisce uno specifico incarico di far valere o difendere in sede giudiziaria un proprio diritto, che, quando i dati siano idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale dell’interessato, deve essere di rango pari a quello del soggetto al quale si riferiscono i dati, ovvero un diritto della personalità o un altro diritto fondamentale ed inviolabile;

b) su incarico di un difensore in riferimento ad un procedimento penale, per ricercare e individuare elementi a favore del relativo assistito da utilizzare ai soli fini dell’esercizio del diritto alla prova (art. 190 del codice di procedura penale e legge 7 dicembre 2000, n. 397).

Restano ferme le altre autorizzazioni generali rilasciate ai fini dello svolgimento delle investigazioni in relazione ad un procedimento penale o per l’esercizio di un diritto in sede giudiziaria, in particolare:

a) nell’ambito dei rapporti di lavoro (autorizzazione n. 1/2002 , rilasciata il 31 gennaio 2002);

b) relativamente ai dati idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale (autorizzazione generale n. 2/2002 , rilasciata il 31 gennaio 2002);

c) da parte degli organismi di tipo associativo e delle fondazioni (autorizzazione generale n. 3/2002 , rilasciata il 31 gennaio 2002);

d) da parte dei liberi professionisti iscritti in albi o elenchi professionali, ivi inclusi i difensori e i relativi sostituti ed ausiliari (autorizzazione generale n. 4/2002 , rilasciata il 31 gennaio 2002);

e) relativamente ai dati di carattere giudiziario (autorizzazione generale n. 7/2002 , rilasciata il 31 gennaio 2002).

 

2) Categorie di dati e interessati ai quali i dati si riferiscono.

Il trattamento può riguardare i dati sensibili di cui all’art. 22, comma 1, della legge n. 675/1996 , qualora ciò sia strettamente indispensabile per eseguire specifici incarichi conferiti per scopi determinati e legittimi nell’ambito delle finalità di cui al punto 1), che non possano essere adempiute mediante il trattamento di dati anonimi o di dati personali di natura diversa.

I dati devono essere pertinenti e non eccedenti rispetto agli incarichi conferiti.

 

3) Modalità di trattamento.

Gli investigatori privati non possono intraprendere di propria iniziativa investigazioni, ricerche o altre forme di raccolta di dati. Tali attività possono essere eseguite esclusivamente sulla base di un apposito incarico conferito per iscritto, anche da un difensore, per le esclusive finalità di cui al punto 1).

L’atto di incarico deve menzionare in maniera specifica il diritto che si intende esercitare in sede giudiziaria, ovvero il procedimento penale al quale l’investigazione è collegata, nonché i principali elementi di fatto che giustificano l’investigazione e il termine ragionevole entro cui questa deve essere conclusa.

I dati devono essere registrati ed elaborati mediante logiche e forme di organizzazione strettamente correlate alle finalità di cui al punto 1).

L’interessato o la persona presso la quale sono raccolti i dati deve essere informata ai sensi dell’art. 10, comma 1, della legge n. 675/1996, ponendo in particolare evidenza l’identità e la qualità professionale dell’investigatore, nonché la natura facoltativa del conferimento dei dati.

Nel caso in cui i dati sono raccolti presso terzi, è necessario informare l’interessato e acquisire il suo consenso scritto (articoli 10, commi 3 e 4 e 22, comma 4 , legge n. 675/1996), solo se i dati sono trattati per un periodo superiore a quello strettamente necessario per esercitare il diritto in sede giudiziaria o per svolgere le investigazioni difensive, oppure se i dati sono utilizzati per ulteriori finalità non incompatibili con quelle precedentemente perseguite.

Il difensore o il soggetto che ha conferito l’incarico devono essere informati periodicamente dell’andamento dell’investigazione, anche al fine di permettere loro una valutazione tempestiva circa le determinazioni da adottare riguardo all’esercizio del diritto in sede giudiziaria o al diritto alla prova.

L’investigatore privato deve eseguire personalmente l’incarico ricevuto e non può avvalersi di altri investigatori non indicati nominativamente all’atto del conferimento dell’incarico.

Nel caso in cui si avvalga di collaboratori interni designati quali responsabili o incaricati del trattamento in conformità a quanto previsto dagli articoli 8 e 19 della legge n. 675/1996, l’investigatore privato deve vigilare con cadenza almeno settimanale sulla puntuale osservanza delle norme di legge e delle istruzioni impartite. Tali soggetti possono avere accesso ai soli dati strettamente pertinenti alla collaborazione ad essi richiesta.

Per quanto non previsto nella presente autorizzazione, il trattamento deve essere effettuato nel rispetto delle ulteriori prescrizioni contenute nell’autorizzazione generale n. 2/2002 , in particolare per ciò che riguarda le informazioni relative ai nascituri e ai dati genetici.

Il trattamento dei dati deve inoltre rispettare le prescrizioni di un apposito codice di deontologia e di buona condotta, in via di definizione ai sensi degli articoli 22, comma 4 e 31, comma 1, lettera h), della legge n. 675/1996.

 

4) Conservazione dei dati.

Nel quadro del rispetto dell’obbligo previsto dall’art. 9, comma 1, lett. e) della legge n. 675/1996 , i dati sensibili possono essere conservati per un periodo non superiore a quello strettamente necessario per eseguire l’incarico ricevuto.

A tal fine deve essere verificata costantemente, anche mediante controlli periodici, la stretta pertinenza e la non eccedenza dei dati rispetto alle finalità perseguite e all’incarico conferito.

Una volta conclusa la specifica attività investigativa, il trattamento deve cessare in ogni sua forma, fatta eccezione per l’immediata comunicazione al difensore o al soggetto che ha conferito l’incarico.

La mera pendenza del procedimento al quale l’investigazione è collegata, ovvero il passaggio ad altre fasi di giudizio in attesa della formazione del giudicato, non costituiscono, di per se stessi, una giustificazione valida per la conservazione dei dati da parte dell’investigatore privato.

 

5) Comunicazione e diffusione dei dati.

I dati possono essere comunicati unicamente al soggetto che ha conferito l’incarico.

I dati non possono essere comunicati ad un altro investigatore privato, salvo che questi sia stato indicato nominativamente nell’atto di incarico e la comunicazione sia necessaria per lo svolgimento dei compiti affidati.

I dati idonei a rivelare lo stato di salute possono essere diffusi solo se è necessario per finalità di prevenzione, accertamento o repressione dei reati (art. 23, comma 4, della legge n. 675/1996 ), con l’osservanza delle norme che regolano la materia.

I dati relativi alla vita sessuale non possono essere diffusi.

 

6) Richieste di autorizzazione.

I titolari dei trattamenti che rientrano nell’ambito di applicazione della presente autorizzazione non sono tenuti a presentare una richiesta di autorizzazione a questa Autorità, qualora il trattamento che si intende effettuare sia conforme alle prescrizioni suddette.

Le richieste di autorizzazione pervenute o che perverranno anche successivamente alla data di adozione del presente provvedimento, devono intendersi accolte nei termini di cui al provvedimento medesimo.

Il Garante non prenderà in considerazione richieste di autorizzazione per trattamenti da effettuarsi in difformità alle prescrizioni del presente provvedimento, salvo che il loro accoglimento sia giustificato da circostanze del tutto particolari o da situazioni eccezionali non considerate nella presente autorizzazione.

 

7) Norme finali.

Restano fermi gli obblighi previsti dalla normativa comunitaria, ovvero da norme di legge o di regolamento, che stabiliscono divieti o limiti in materia di trattamento di dati personali e, in particolare:

a) dagli articoli 4 (impianti e apparecchiature per finalità di controllo a distanza dei lavoratori) e 8 (indagini sulle opinioni del lavoratore o su altri fatti non rilevanti ai fini della valutazione dell’attitudine professionale) della legge 20 maggio 1970, n. 300;

b) dalla legge 5 giugno 1990, n. 135, in materia di sieropositività e di infezione da HIV;

c) dalle norme processuali o volte a prevenire discriminazioni;

d) dall’art. 734-bis del codice penale, il quale vieta la divulgazione non consensuale delle generalità o dell’immagine della persona offesa da atti di violenza sessuale.

Restano fermi gli obblighi previsti dagli articoli 9, 15, 17 e 28 della legge n. 675/1996 e dal d. P.R. n. 318/1999 .

Restano fermi, in particolare, gli obblighi previsti in tema di liceità e di correttezza nell’uso di strumenti o apparecchiature che permettono la raccolta di informazioni anche sonore o visive, ovvero in tema di accesso a banche dati o di cognizione del contenuto della corrispondenza e di comunicazioni o conversazioni telefoniche, telematiche o tra soggetti presenti.

Resta ferma la facoltà per le persone fisiche di trattare direttamente dati per l’esclusivo fine della tutela di un proprio diritto in sede giudiziaria, anche nell’ambito delle investigazioni relative ad un procedimento penale. In tali casi, la legge n. 675/1996 non si applica anche se i dati sono comunicati occasionalmente ad una autorità giudiziaria o a terzi, sempreché i dati non siano destinati ad una comunicazione sistematica o alla diffusione (art. 3 legge n. 675/1996 ).

 

8) Efficacia temporale e disciplina transitoria.

La presente autorizzazione ha efficacia a decorrere dal 1° febbraio 2002 fino al 30 giugno 2003.

Qualora alla data della pubblicazione della presente autorizzazione il trattamento non sia già conforme alle prescrizioni non contenute nella precedente autorizzazione n. 6/2000 , il titolare deve adeguarsi ad esse entro il 31 maggio 2002.

La presente autorizzazione sarà pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

 

Roma, 31 gennaio 2002

 

IL PRESIDENTE
Rodotà

IL RELATORE
Rasi

IL SEGRETARIO GENERALE
Buttarelli

Investigazioni Private

  • Lavoro non dichiarato
  • Infedeltà coniugali
  • Indagini su minori

Investigazioni Patrimoniali

  • Verifica capacità patrimoniali
  • Profili aziendali
  • Solvibilità di persone o aziende

Difesa Penale

  • Ricerca di prove
  • Attendibilità testimoni
  • Analisi DNA

Controllo Minori

  • Controllo e prevenzione droga
  • Bullismo e frequentazioni
  • Tutela minori

Indagini Aziendali

  • Abuso permessi legge 104
  • Concorrenza sleale
  • Infedeltà soci e dipendenti

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Utilizzo di Cookies

Questo sito utilizza "cookies". I "cookies" sono informazioni che potrebbero essere immagazzinate dal browser dell'utente sull'hard disk e che consentono di individuare alcune caratteristiche del navigatore. La maggior parte dei browsers in uso accetta automaticamente i "cookies", ma l'utente può configurare il proprio browser diversamente. In tale ultimo caso, l'utente potrà non avere accesso ai contenuti del sito.

I cookie non registrano alcuna informazione personale su un utente e gli eventuali dati identificabili non verranno memorizzati. Se si desidera disabilitare l'uso dei cookie è necessario personalizzare le impostazioni del proprio computer impostando la cancellazione di tutti i cookie o attivando un messaggio di avviso quando i cookie vengono memorizzati. Per procedere senza modificare l'applicazione dei cookie è sufficiente continuare con la navigazione. Visita AboutCookies.org per ulteriori informazioni sui cookie e su come influenzano la tua esperienza di navigazione.
I tipi di cookie che utilizziamo:


Cookie indispensabili

Questi cookie sono essenziali al fine di consentire di spostarsi in tutto il sito ed utilizzare a pieno le sue caratteristiche, come ad esempio accedere alle varie aree protette del sito. Senza questi cookie alcuni servizi necessari, come la compilazione di un form per un concorso, non possono essere fruiti.


Cookie di funzionalità

I cookie consentono al sito di ricordare le scelte fatte dall'utente (come il nome, la lingua o la regione di provenienza) e forniscono funzionalità avanzate personalizzate. Questi cookie possono essere utilizzati anche per ricordare le modifiche apportate alla dimensione del testo, font ed altre parti di pagine web che è possibile personalizzare. Essi possono anche essere utilizzati per fornire servizi che hai chiesto come guardare un video o i commenti su un blog. Le informazioni raccolte da questi tipi di cookie possono essere rese anonime e non in grado di monitorare la vostra attività di navigazione su altri siti web.

Utilizzando il nostro sito, l'utente accetta che tali cookie possono essere installati sul proprio dispositivo.


Cookie di profilazione

I cookie di profilazione consentono di raccogliere informazioni sulle preferenze di navigazione del cliente, in modo da permettere l'offerta di contenuti in linea con gli interessi del cliente stesso.
Utilizzando il nostro sito, l'utente accetta che tali cookie possono essere installati sul proprio dispositivo.


Modalità di disabilitazione dei cookies

La maggioranza dei browser internet sono inizialmente impostati per accettare i cookies in modo automatico. L'utente può modificare queste impostazioni per bloccare i cookies o per avvertire che dei cookies vengono mandati al dispositivo dell'utente medesimo. Esistono vari modi per gestire i cookies. L'utente può fare riferimento al manuale d'istruzioni o alla schermata di aiuto del suo browser per scoprire come regolare o modificare le impostazioni del proprio browser.
• Chrome: https://support.google.com/accounts/answer/61416?hl=it
• Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
• Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/windows7/block-enable-or-allow-cookies
• Opera: http://help.opera.com/Windows/10.00/it/cookies.html
• Safari: https://www.apple.com/legal/privacy/it/cookies/
In caso di dispositivi diversi (per esempio, computer, smartphone, tablet, ecc.), l'utente dovrà assicurarsi che ciascun browser su ogni dispositivo sia regolato per riflettere le proprie preferenze relative ai cookies.


Google Analytics

Questo sito web utilizza Google Analytics, un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ( "Google"). Google Analytics utilizza dei "cookies", che sono file di testo depositati sul Vostro computer per consentire al sito web di analizzare come gli utenti utilizzano il sito. Le informazioni generate dal cookie sull'utilizzo del sito web ( compreso il Vostro indirizzo IP anonimo ) verranno trasmesse e depositate presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizzerà queste informazioni allo scopo di esaminare il Vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito per gli operatori dello stesso e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di internet. Google può anche trasferire queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google. Google non assocerà il vostro indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google. Potete rifiutarvi di usare i cookies selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, ma si prega di notare che se si fa questo non si può essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web. Utilizzando il presente sito web, voi acconsentite al trattamento dei Vostri dati da parte di Google per le modalità ed i fini sopraindicati.
Si può impedire a Google il rilevamento di un cookie che viene generato a causa di e legato al Vostro utilizzo di questo sito web (compreso il Vostro indirizzo IP) e l'elaborazione di tali dati scaricando e installando questo plugin per il browser: http://tools.google.com/dlpage/gaoptout?hl=en


Premessa

Il presente sito ed i suoi stessi contenuti sono stati predisposti e verranno disciplinati in conformità alle leggi vigenti nella Repubblica Italiana. Nel caso in cui l'utente non intenda accettare, in tutto o in parte, le condizioni di seguito precisate, è tenuto ad interrompere la consultazione del sito.


Vademecum Legale inerente i contenuti del presente sito

Il sito www.atlanticainvestigazioni.it è un dominio registrato e di proprietà dei Giuseppe Tiralongo, e-mail: info@atlanticainvestigazioni.it", che lo gestisce riservandosi, con piena discrezionalità e nei limiti di legge, il diritto di modificare, sospendere o annullare, liberamente e senza preavviso, termini, condizioni o contenuti del presente sito.


Indicazioni sull'accesso e sull'utilizzo dei contenuti del presente sito

Giuseppe Tiralongo assicura che il presente sito è stato configurato e per quanto possibile verrà gestito applicando ogni ragionevole tecnica e strumento idonei a garantire una corretta e continua operatività dello stesso. Tuttavia, anche in relazione all'attuale stato delle conoscenze e della tecnica, Giuseppe Tiralongo non può escludere che si verifichino talvolta malfunzionamenti e/o difetti di trasmissione. Conseguentemente, entrando nel sito, l'Utente accetta quanto segue:

• il sito o parti di esso potrebbero essere inaccessibili temporaneamente a causa di guasti e/o difetti di connessione o comunque di eventi al di fuori dal controllo di Giuseppe Tiralongo.
• Giuseppe Tiralongo salvo ove eventualmente specificato, non ha alcun controllo sulla natura o il contenuto delle informazioni dei programmi trasmessi o ricevuti dall'utente utilizzando il sito né esamina in alcun modo la modalità di utilizzo del sito;
• Giuseppe Tiralongo non è responsabile per il materiale utilizzato e/o le condotte tenute dagli utenti durante la navigazione nel sito;
• Giuseppe Tiralongo non si assume alcuna responsabilità relativamente alla trasmissione sull'elaboratore dell'utente di eventuali virus e contenuti comunque dannosi originati da terzi.

Accedendo al sito, l'utente si obbliga a:

• non utilizzare il sito o il materiale in esso inserito per perseguire scopi illegali, ovvero quale strumento per divulgare o diffondere in qualsiasi modo materiale o contenuti preordinati alla commissione di attività illecita
• non utilizzare il sito in modo da interrompere, danneggiare o rendere meno efficiente una parte o la totalità di esso, od in modo da danneggiare in qualche modo l'efficacia o la funzionalità del sito;
• non utilizzare il sito per la trasmissione o il collocamento di virus o qualsiasi altro materiale diffamatorio, offensivo, osceno o minaccioso o che in qualche modo possa creare fastidio, disturbo o qualsivoglia pregiudizio;
• non utilizzare il sito in modo da costituire una violazione di persone o ditte (compresi, ma ad essi non limitati, i diritti di copyright o riservatezza);
• non utilizzare il sito per trasmettere materiale a scopo pubblicitario e/o promozionale senza il permesso scritto di Giuseppe Tiralongo.

Regole relative alla creazione di Link al sito www.atlanticainvestigazioni.it e/o verso altri siti di terzi.

Non è consentito agli utenti e/o a terzi creare dei collegamenti (links) al presente sito senza la preventiva approvazione per iscritto di Giuseppe Tiralongo. In ogni caso, l'azienda si riserva il diritto di chiedere che vengano rimossi in qualsiasi momento i collegamenti (links) al presente sito.

Questo sito potrà contenere links verso siti esterni di titolarità di terzi. Detti siti di terzi, accessibili dall'utente attivando il link ed uscendo dal presente sito, non sono sotto il controllo di Giuseppe Tiralongo, che, pertanto, non è né direttamente né indirettamente responsabile del contenuti presenti nei suddetti siti, né potrà in alcuna maniera garantire il loro corretto funzionamento.

L'inserimento di un qualsiasi link non implica alcuna approvazione dei contenuti dei siti collegati da parte di Giuseppe Tiralongo Pertanto, l'utente è tenuto a prendere conoscenza e rispettare le condizioni d'uso vigenti in detti siti di terzi. Parimenti, qualsivoglia attivazione di links al presente sito, anche se autorizzata da Giuseppe Tiralongo, non implica da parte di quest'ultima alcuna approvazione dei contenuti presenti sul sito collegato, né tanto meno alcuna deroga alle presenti Condizioni d'Uso.


Privacy Policy

I Dati Personali degli utenti, acquisiti da Giuseppe Tiralongo attraverso il sito, verranno trattati nel pieno rispetto della normativa vigente ed in particolare del D.Lgs 196/2003 . Resta inteso che l'utente, ogni qualvolta Giuseppe Tiralongo procederà alla raccolta di dati personali attraverso il sito, verrà invitato a prendere visione dell'informativa ex art. 13 del citato D.Lgs.196/2003, che verrà all'uopo fornita dal titolare, ed a prestare l'eventuale necessario consenso al trattamento.


Copyright , Marchi e tutela del Diritto di Autore.

L'editore del materiale pubblicato nel presente sito è Giuseppe Tiralongo.

- Tutti i diritti sono riservati -

Il sito www.atlanticainvestigazioni.it e con esso tutti i suoi contenuti anche parziali, le "banche dati" ivi rinvenibili ed utilizzate ed il relativo sistema di consultazione sono tutelati a norma del diritto italiano ed in particolare dalla legge 22 aprile 1941 n. 633 e successive modifiche, concernente la protezione del diritto d'autore e dei diritti connessi e, salvo ove non diversamente precisato, appartengono in via esclusiva a Giuseppe Tiralongo. Pertanto gli atti di riproduzione e distribuzione, anche parziali, che non siano stati autorizzati dagli aventi diritto sono perseguibili civilmente e penalmente, ai sensi della citata legge.

Salvi i limiti previsti dalla vigente normativa, la riproduzione anche solo parziale del sito e/o dei suoi contenuti con qualsiasi mezzo, tecnica e/o strumento è espressamente vietata senza il preventivo consenso scritto di Giuseppe Tiralongo. Le richieste di consenso potranno essere indirizzate al seguente indirizzo di posta elettronica: info@atlanticainvestigazioni.it ovvero per posta a Giuseppe Tiralongo, e-mail: info@atlanticainvestigazioni.it

Il materiale e le informazioni fornite da Giuseppe Tiralongo su questo sito sono messe a disposizione dell'utente, salvo ove non diversamente precisato, esclusivamente per uso personale. Sono consentite le citazioni dei testi contenuti nei domini ad esclusivo titolo di cronaca giornalistica o studio, purché accompagnate, sempre e comunque, dalla citazione del nome di Giuseppe Tiralongo quale proprietaria del materiale contenuto nel sito e/o dall'indicazione della fonte comprensiva dell'indirizzo telematico "www.atlanticainvestigazioni.it". È vietata la variazione, contraffazione od utilizzazione non autorizzata, in tutto od in parte, del materiale contenuto nel sito www.atlanticainvestigazioni.it od in altri siti direttamente collegati con Giuseppe Tiralongo. La richiesta di password all'area riservata è invece subordinata all'accettazione del trattamento dei dati personali. Accedendo, registrandovi ed utilizzando il sito, accettate espressamente di aderire ai termini ed alle condizioni contenute nel presente Vademecum Legale.

Tutti i diritti di autore e di proprietà intellettuale relativi alla configurazione, al contenuto e all'organizzazione del sito appartengono in via esclusiva agli aventi diritto e per essi a Giuseppe Tiralongo

I marchi ed i segni distintivi dei prodotti presenti sul sito, salvo diversa indicazione, sono di titolarità di Giuseppe Tiralongo. E' fatto assoluto divieto di utilizzare detti marchi e segni distintivi senza preventiva espressa autorizzazione scritta del titolare.


Informativa Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 e richiesta di consenso

Gentile Signore/a,

desideriamo informarLa, ai sensi del Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 recante disposizioni in materia di tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, che le informazioni da Lei fornite o altrimenti acquisite nell'ambito dei servizi da noi prestati, saranno oggetto di trattamento nel rispetto delle disposizioni sopra menzionate e degli obblighi di riservatezza che ispirano l'attività di Giuseppe Tiralongo.

Per trattamento di dati personali intendiamo qualunque operazione o complesso di operazioni, svolte con l'ausilio di mezzi informatico/telematici, finalizzate alla raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione e distruzione.

Il trattamento dei dati avverrà per mezzo di strumenti e/o modalità atte ad assicurarne la riservatezza, l'integrità e la disponibilità, nel rispetto di quanto definito dalla legge.

Secondo la legge indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti.

Il trattamento che Giuseppe Tiralongo intende effettuare ha le seguenti finalità:

inviare informazioni commerciali;
inviare materiale pubblicitario ed informativo;

Inoltre, essendo la registrazione propedeutica per l'accesso ad alcuni dei servizi online offerti da Giuseppe Tiralongo, i Suoi dati, verranno trattati per le finalità connesse e/o funzionali ai servizi stessi.


Diritti dell'interessato

In relazione ai predetti trattamenti, l'interessato può esercitare i diritti di cui all'art. 7 del Decreto Legislativo 196/2003.

Può ottenere l'indicazione di:

• origine dei dati personali;
• finalità e modalità del trattamento;
• logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
• estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato, ai sensi dell'art. 5, comma 2, D. Lgs. 196/2003, dei trattamenti;
• soggetti o categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di responsabili, incaricati o rappresentanti designati.

Inoltre può richiedere a Giuseppe Tiralongo, inviando comunicazione scritta a Giuseppe Tiralongo, e-mail: info@atlanticainvestigazioni.it:

• l'aggiornamento, la rettificazione oppure l'integrazione dei dati;
• la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali sono stati raccolti e successivamente trattati;

Titolare del trattamento è Giuseppe Tiralongo, e-mail: info@atlanticainvestigazioni.it

Responsabile del trattamento è Giuseppe Tiralongo per Atlantica Investigaizoni, via Torino, 95, 00184 Roma, Italia - P.IVA 06401781007.

MAPPA DEL SITO | PRIVACY | PRIVACY POLICY
Sito indicizzato e posizionato dalla Agenzia SEO ADS-All Digital Strategy
Powered by SitoPerTe.com & Joomla-sitiweb.com